Ultimo aggiornamento25 luglio 2024, alle 13:24

Gustav Mahler

Kaliště, 7 luglio 1860 — Vienna, 18 maggio 1911

Mahler preferisce sempre, quando necessaria, l’aggiunta della parola, capace di divenire essa stessa musica se utilizzata in contesto sinfonico, perché «Chi vuole creare musica – scrive a Bruno Walter nel 1906 – non deve voler dipingere, poetare o descrivere. Ciò che viene tradotto in musica è sempre l’uomo nella sua interezza:*

*da Gustav Mahler e il volto della Natura, di Adele Boghetich

Gustav Mahler

“E Antonio da Padova predicava ai pesci”, Des Antonius von Padua Fischpredigt C’era una volta… Abraham a Sancta Clara (1644-1709), teologo agostiniano dottissimo, “predicatore imperiale” in Vienna con funzione di […]

Per saperne di più…

Mahler

“Urlicht”, luce primigenia Il Lied Urlicht, vera e propria “miniatura” dell’arte mahleriana in tutte le sue “soluzioni”, composto nel 1892 per formare il Quarto movimento della grande Seconda Sinfonia di […]

Per saperne di più…

Mahler

Oscuri Abissi, “O Mensch! Gib Acht!” Così scriveva Arnold Schönberg a Gustav Mahler il 12 dicembre 1904, dopo aver ascoltato a Vienna la Terza Sinfonia, diretta dallo stesso Mahler. Composta […]

Per saperne di più…