Il musicista e il giocatore - Wolfgang Amadeus Mozart

La nuova rubrica di Quinte Parallele dedicata ai passatempi dei grandi compositori

Da quando è nata, Quinte Parallele si propone di raccontare la grande musica e i suoi protagonisti sotto tanti aspetti, adottando una visione a 360°. Quando ci capita di parlare di una certa composizione, ad esempio, cerchiamo di analizzarne le note, di identificarne lo stile, di decodificarne il linguaggio e il messaggio, facendo riferimento anche al contesto storico e alla vicenda biografica del suo autore (i suoi ascolti, studi, incontri, il suo vissuto in quel determinato momento ecc.). Sognando con la musica e perdendoci tra fiumi di note, però, tendiamo generalmente a mettere in secondo piano – direi anche ragionevolmente, in una certa misura – tutto ciò che a che fare con la personalità, le passioni, gli hobby, gli interessi, le abitudini dei musicisti. Insomma, spesso ascoltiamo le loro splendide musiche ma non abbiamo che una minima idea di come potesse essere la loro vita quotidiana. Sì perché ciascuno di essi, compositore, esecutore o direttore che sia, è stato (oppure è) prima di tutto un uomo come tutti noi.

Vi siete mai chiesti in che modo si dilettasse, nel tempo libero, il buon Giuseppe Verdi? O a cosa giocasse Arnold Schoenberg? O, addirittura, in che modo il gioco d’azzardo abbia a che fare con la musica di Igor Stravinsky?

A tal proposito nasce la rubrica “Il musicista e il giocatore”, nel corso della quale avrete la possibilità di soddisfare alcune di queste curiosità e di inquadrare meglio le sfaccettate personalità dei grandi nomi della musica, a partire da…Wolfgang Amadeus Mozart!

Il grande compositore austriaco, considerato uno dei più importanti della storia della musica occidentale, non ha certo bisogno di presentazioni in quanto universalmente riconosciuto e apprezzato anche al di fuori della cerchia dei famosi “addetti ai lavori”. Questa celebrità è dovuta certamente alla qualità e raffinatezza delle sue opere, al grande impatto che ha avuto nel mondo musicale del Settecento e dei secoli a venire, ma anche alla sua fama di piccolo genietto: quello che a quattro anni suonava brevi pezzi, a cinque era già autore di alcune composizioni e a sei si esibiva in giro per le corti europee.

Per quanto talentuoso Mozart fosse, bisogna sempre ricordarsi che il Don Giovanni o il Requiem sono anche e soprattutto frutto dell’esperienza maturata grazie alle lezioni di grandi maestri, primo tra tutti il padre Leopold, e ai viaggi che lo hanno segnato e arricchito profondamente negli anni.

E’ innegabile che Wolfgang studiasse intensamente, ma sin da piccolo è stato tutt’altro che solitario e non passava le giornate rinchiuso a fare musica: momenti ricreativi e di esercizio fisico, occasioni di incontro all’aria aperta erano fondamentali per la famiglia Mozart, che faceva parte di una comunità i cui valori condivisi formavano un insieme integrato, che inglobava le competenze musicali all’interno del quadro sociale e religioso.

Amadeus era instancabilmente socievole: sappiamo che la sua famiglia veniva regolarmente invitata alle feste dell’amico Johann Ferdinand von Schiedenhofen. Nella sua residenza di Triebenbach, le attività ricreative erano le più disparate: danze, serenate, passeggiate, caccia, tiro a segno, feste a carte, sciarade, gite in carrozza, partite a biliardo e a birilli.

Mozart al biliardo (databile al tardo Settecento)

 

Erano tanti i giochi con cui Mozart si dilettava, ma ce ne sono alcuni che meritano una particolare attenzione anche per i simpatici aneddoti ad essi legati.

Primo tra tutti: il biliardo. Wolfgang lo amava – pare fosse anche abbastanza bravo – e ci giocava spesso con il suo amico, il tenore irlandese Michael Kelly, vincendo quasi sempre. Tra l’altro, tra i beni da lui lasciati alla sua morte, nel 1791, compare anche un tavolo da biliardo con cinque palle e dodici stecche.
C’è un episodio curioso che riguarda una partita tra Mozart e…sé stesso! Quando non riusciva a trovare un partner, Mozart si divertiva infatti anche a giocare anche da solo, come testimonia la lettera del 7-8 ottobre 1791, indirizzata alla moglie, nella quale il compositore scrive umoristicamente:

“E passiamo ora alle mie occupazioni quotidiane! Subito dopo la tua partenza ho giocato due partite a biliardo con il signor von Mozart (autore dell’opera che sta dando ora Schikander) [Il flauto magico, ndr] […] Poi ho detto a Joseph [oste della locanda, ndr] di chiamarmi Primus e di farmi portare un caffè nero, fumando nel frattempo una deliziosa pipa di tabacco.”

Insomma, il genietto salisburghese studiava e lavorava con grande dedizione ed impegno, ma sapeva anche godersi la vita e riempire le sue giornate coniugando l’utile e il dilettevole. Imparare nuovi giochi lo entusiasmava, tant’è che durante il suo terzo viaggio in Italia insieme al padre…

Questo testo è un’anteprima. L’articolo completo è disponibile sul nostro Patreon per gli abbonati di livello Q-Paganini.

Per sottoscrivere l’abbonamento mensile e supportarci nella nostra attività, clicca qui.

Articoli correlati