Ultimo aggiornamento10 giugno 2024, alle 19:32

Diario dallo Chopin: Introduzione

di Alessandro Tommasi - 3 Ottobre 2021

Nel momento in cui inizio a scrivere queste righe sto morendo di sonno. Sono appena arrivato a Varsavia, il tempo di viaggiare e smontare le valigie e già si inaugurava il diciottesimo Concorso Chopin in Filarmonia. Ma l’emozione è grande almeno quanto la stanchezza e così la voglia di far respirare di nuovo la Campana dello Zio Tom.

Chi mi segue da un po’, forse ha già sentito parlare de La Campana dello Zio Tom, mentre per chi mi legge per la prima volta, l’introduzione è molto rapida. La Campana dello Zio Tom sono io che viaggio per grandi concorsi pianistici e riverso il fiume delle mie considerazioni nel mio blog, senza particolari filtri. Il rischio divagazione è fortissimo, ma anche questo fa parte della totale informalità che dal 2017 caratterizza la Campana. Ebbene, quest’anno ci sono due grandi novità. La prima l’ho già spoilerata: la Campana dello Zio Tom si sposta a Varsavia per il Concorso Chopin! La seconda è che per la prima volta il mio blog non sarà sul mio sito riesumato ogni tot anni, ma andrà a monopolizzare per i prossimi 20 giorni (sì, è lunghissimo) la sezione blog di Quinte Parallele.

Lo scopo è quello di raggiungere quante più persone possibile e coinvolgerle nel delirante viaggio che ci attende. Da domani per otto ore al giorno parcheggerò il mio fondoschiena in una poltroncina della Filarmonia di Varsavia, a prendere forsennati appunti sui miei soliti taccuini arancioni. Otto ore. E non solo di pianoforte, otto ore al giorno solo di Chopin. Se sopravvivo a questo non temo più nulla. Quest’anno, però, la mia esperienza in un grande concorso non si limita all’ascolto passivo. Due volte al giorno, tutti i giorni avrò il piacere (e il terrore) di gestire gli Chopin Talk insieme a Rachel Naomi Kudo: quindici-venti minuti di interviste e approfondimenti in diretta sul canale YouTube del Concorso Chopin. Se questo consentirà agli anglofoni (sarà ovviamente tutto in inglese) di godersi un ulteriore approfondimento, darà a me anche la possibilità di conoscere ancora più da vicino i concorrenti e portare nella Campana qualche dietro le Quinte. Insomma, vediamo come andrà! Purtroppo dovendomi dividere anche con il nostro salottino, mi perderò alcuni concorrenti (due al giorno, in concomitanza con la preparazione dei Talk), ma rimedierò con lo streaming e ascoltandoli in segreto oltre le porte.

Non c’è molto altro da aggiungere, a partire da domani ci troveremo su queste pagine, tutti i giorni alle 10 in punto (spero) con un approfondimento su tutti i concorrenti che passeranno allo Chopin qui a Varsavia. Istruzioni per l’uso: contenuto ad alto rischio di demenzialità; peggiora con il procedere del concorso; non adatto alle persone facilmente impressionabili; può contenere tracce di battute tristi.

Alessandro Tommasi

Autore

Viaggiatore, organizzatore, giornalista e Pokémon Master, studia pianoforte a Bolzano, Padova e Roma e management culturale alla Rome Business School e alla Fondazione Fitzcarraldo. È Head of Artistic Administration della Gustav Mahler Jugendorchester e direttore artistico del Festival Cristofori e di Barco Teatro.

Nel 2021 è stato Host degli Chopin Talk al Concorso Chopin di Varsavia.

Nel 2020 ha pubblicato il suo primo libro, dedicato all'opera pianistica di Alfredo Casella.

Dal 2019 è membro dell'Associazione Nazionale Critici Musicali.

tutti gli articoli di Alessandro Tommasi